Istituto veronese per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea

indietro        Quaderni        avanti

Don Giuseppe Chiot. Un prete del Novecento
a cura di Gian Maria Varanini e Rino Cona

Verona, Cierre, 2011 (Quaderno)
pp. 194, € 14

 

Al di là del contesto locale, la notorietà di don Giuseppe Chiot (1879-1960), parroco di San Luca (nel centro di Verona) dal 1914 al 1960, è legata al suo incontro con Galeazzo Ciano, nel momento tragico del processo di Verona e dell'esecuzione (1944). Ma la stessa pietà mostrata verso i potenti il sacerdote veronese l'aveva mostrata, durante tutta la sua vita, per gli emigrati, i soldati al fronte, i carcerati, per tutte le categorie "marginali". E con la stessa intensità egli visse la passione per l'arte contemporanea, per la letteratura, per la Nazione italiana, oltre che la sua missione di parroco.

Attraverso gli scritti di Giancarlo Beltrame, Gian Paolo Marchi, Anna Chiara Tommasi, Giorgio Vecchio, le testimonianze di alcuni contemporanei di Don Chiot e alcuni suoi scritti, emerge una figura significativa della Chiesa veronese e uno spaccato vivo della storia della città nella prima metà del Novecento.